fbpx

Come aumentare l’efficienza in azienda: meno sprechi, meno costi

Come aumentare l’efficienza in azienda: meno sprechi, meno costi
Condividi sui social

Il concetto di efficienza in azienda è piuttosto complesso da spiegare, poiché riguarda molteplici aspetti del business. In questo articolo cerchiamo di andare più a fondo nell’argomento, tentando di dare agli imprenditori e ai responsabili aziendali che ci leggono la nostra lettura dell’argomento.

Lo facciamo con Leonardo Sciamanna, Consulente Commerciale Systematica ed esperto di digital transformation e processi aziendali.

 

Ciao Leonardo, secondo te come si traduce il concetto di “efficienza in azienda”?

Raggiungere obiettivi prefissati con il minimo dispendio di risorse, garantendo la massima resa. Questo vuol dire essere efficienti. In un’azienda questo concetto si realizza quando svolgo le mie mansioni al meglio, utilizzando le risorse a mia disposizione in modo razionale, tramite processi collaudati e ripetuti.

 

Quali sono le misure che migliorano la produttività aziendale?

La questione è generica: andrebbe fornita una risposta per ogni tipologia di azienda, a dirla tutta per ogni reparto aziendale. Non esiste una soluzione univoca: la soluzione va ritagliata sulla base delle specifiche esigenze del cliente. È qui che la professionalità del nostro team multidisciplinare in Systematica può fare la differenza.

 

Il miglioramento dell’efficienza è un processo che dipende esclusivamente dagli strumenti, o a incidere è anche la propensione al cambiamento dei dipendenti?

Senza dubbio si tratta di un mix di strumenti, corretta inclinazione e competenze. Posso anche disporre dell’ERP più performante al mondo, ma se la propensione a evolversi e la volontà di accogliere nuove tecnologie non sono radicate in azienda, allora è tutto inutile. È proprio qui che si arena buona parte dei progetti: nella repulsione al cambiamento degli operatori. Infatti, dimenticare il vecchio per apprendere il nuovo non è mai semplice. Il dipendente deve necessariamente percepire un vantaggio tangibile, anche banale, nella sua operatività quotidiana affinché sia spinto ad assorbire positivamente la spinta evolutiva.

 

Quali metriche sono utili alla misurazione del livello di efficienza raggiunto in azienda?

Credo che ad oggi non esista una risposta a questa domanda: in generale, la metrica regina è la qualità del lavoro, tuttavia difficilmente misurabile. In alcuni casi, dove la richiesta equivale a un bene tangibile, la risposta sta proprio nel poter disporre di quello strumento (pensiamo alla Business Intelligence). Sarebbe interessante lavorare su indicatori preesistenti misurabili. Porto qualche esempio: quanti ordini riesco a processare quotidianamente e qual è il margine di errore di compilazione? Quanto tempo ho risparmiato grazie al reindirizzamento di chiamate tramite centralino VoIP?

Poi, magari a distanza di un anno dall’implementazione, è fondamentale misurare qual è stato l’impatto delle misure implementate.

 

La Business Intelligence potrebbe rivelarsi funzionale al raggiungimento dell’obiettivo?

Assolutamente sì. Grazie alla Business Intelligence sono in grado di ragionare sull’articolo, sul cliente, sull’area geografica, sull’agente, sul numero di ordini arrivati e consegnati, etc. Dispongo di dati oggettivi in tempo reale, classificabili a mio piacimento. Lavoro su tutti gli aspetti del gestionale: ciclo attivo, ciclo passivo, contabilità, produzione. Uno screening accurato dello stato attuale della mia azienda, che tuttavia non è in grado di misurare eventuali perdite di tempo: in questo senso, persino uno strumento come la Business Intelligence fa fatica, per lo meno in realtà meno strutturate in termini di processi.

 

Quanto è importante riscoprire l’importanza della comunicazione per migliorare l’efficienza del team?

Sicuramente tantissimo. Quando manca la comunicazione, l’efficienza in azienda scade. Una rete comunicativa efficiente consente all’impresa di viaggiare a marce elevate. Pur nella sua apparente semplicità, comunicare in un’azienda è uno degli scogli più grandi, spesso a causa dei ritmi elevati cui sono soggetti i dipendenti: la velocità comporta approssimazione, quindi perdita di informazioni. Credo che a volte si utilizzino anche troppi strumenti: è più funzionale utilizzarne uno solo che coinvolga tutti gli addetti.

Inoltre, se un imprenditore investe in un progetto, ma non si premura di coinvolgere i suoi dipendenti, lo stesso progetto perde in partenza. Capita che il dipendente si trovi ad avere a che fare con più lavoro, magari in prima battuta, e non percepisca vantaggi per la propria operatività. Per agevolare i processi, potrebbe essere sufficiente una riunione in cui viene illustrato il progetto e che i vari reparti aziendali comunichino in maniera efficace.

 

 

Possiamo aiutarti ad aumentare l’efficienza della tua impresa.  Compila questo form o scrivici a info@systematicanet.it oppure chiama lo 0733 967019. Leonardo e il nostro team di consulenti è a tua disposizione.